Blog

inbound marketing emmegi marketing

INBOUND MARKETING: attrai i tuoi potenziali clienti.

Scritto da  Commenta questo articolo!

Viviamo nell’era del consumo consapevole. Il consumatore si informa in modo autonomo su prodotti e aziende e sceglie in base ai propri bisogni ed interessi.

Questo significa che, per aumentare i tuoi clienti e soddisfare le loro esigenze devi conoscere i nuovi strumenti di marketing che ti aiuteranno a trasformare uno sconosciuto nel tuo migliore alleato. 

Ti starai chiedendo: “Sì, ma come?”

 

Hai mai sentito parlare di Inbound Marketing?

L’ Inbound marketing è una strategia di marketing che ribalta la visione dell’azienda da: “Io sono il migliore, vieni da me” a: “Ho la risposta alle tue esigenze, metto la mia conoscenza la tuo servizio, provami ” e nasce grazie alla diffusione di internet, luogo dove tutti possono informarsi di tutto.

Questa strategia si fonda sulla necessità di essere cercati dal consumatore, attraendolo naturalmente, piuttosto che sul tentativo di raggiungerlo con ogni mezzo e con grandi sforzi, spesso molto costosi e poco efficaci.

Si tratta di un approccio differente: mentre nel marketing tradizionale gran parte delle risorse sono indirizzate alla ricerca del cliente spingendolo all’ acquisto (strategia push) nell’Inbound marketing gli sforzi di marketing si concentrano sulla capacità di attirare l’attenzione dei clienti (strategia pull) attraverso la creazione di contenuti utili.

In pratica, se metti le tue competenze a servizio della collettività crei valore per molte persone. Creando valore e utilizzando un sistema efficace puoi far decollare la tua attività.

Ma fermiamoci un momento, voglio raccontarti una breve storia.

Lo sapevi che le origini del Content Marketing risalgono alla fine del 1800?

August Oetker era il farmacista tedesco che ha inventato il lievito in bustina. Nel 1891 Oetker fonda una società e comincia a vendere il suo lievito Backin.

L’ingegnoso inventore per attirare i suoi potenziali clienti, decide di stampare delle ricette sul retro delle bustine di lievito.

Nel 1911 Oetker pubblica un ricettario, oggi considerato un “best-seller” tra i libri di cucina, con oltre 19 milioni di copie stampate.

Tutte le ricette provenivano dalla cucina dell’azienda Oetker, ancora oggi attiva come Gruppo Dr. Oetker S.p.A., che controlla tra le altre anche il marchio Cameo.

Il libro è stato scritto con l’intento di insegnare a cucinare partendo da zero.

Perché ti ho raccontato questa storia?

Perché Oetker è stato il primo imprenditore che ha utilizzato il Content Marketing per vendere il suo prodotto.

Lui regalava le ricette per vendere il suo lievito.

Per farti comprendere in modo semplice e chiaro come funziona l’Inbound Marketing qui sotto ho sintetizzato le 4 fasi del processo e ho utilizzato l’immagine di HubSpot, azienda americana che nel 2006 ha sviluppato l’Inbound marketing concept.

Fonte: Hubspot.com

1.Attrai: L’obiettivo non è quello di attrarre traffico generico sul tuo sito web, o sui social network,  ma di avvicinare quelli che in gergo si chiamano lead (utenti potenzialmente interessati a un prodotto servizio), più predisposti a diventare clienti.

Si tratta di coloro che, dopo attenta analisi abbiamo identificato come Buyer Personas .

Per attrarre puoi utilizzare vari strumenti:

BLOG: è il modo migliore per attrarre visitatori sul tuo sito con contenuti interessanti. Fornisci notizie utili e aggiornamenti sui temi che più interessano ai tuoi potenziali clienti, cogli il loro punto di vista, offri le risposte che cercano.

SEO: Nella ricerca delle informazioni online gli utenti formulano delle domande ai motori di ricerca, sottoforma di “parole chiave”. Apparire tra i primi risultati ti assicura un vantaggio rispetto ai tuoi competitor. Per arrivarci devi capire quali sono le keywords giuste, ottimizzare le tue pagine, pubblicare contenuti con costanza e attivare link in entrata basandoti sulle parole più cercate dal tuo pubblico.

SITO: Immagina che il tuo sito sia il tuo alter-ego digitale. Scegli l’aspetto migliore, quello più adatto a colpire i tuoi clienti ideali. Ottimizzalo e rendilo un contenitore di contenuti vantaggiosi per tutti coloro che lo visitano.

SOCIAL NETWORK: Pubblica i tuoi contenuti, video, post blog, sui social network condividi informazioni, crea coinvolgimento nel tuo pubblico e clienti potenziali, rendi umano il tuo brand.

2. Converti: Una volta che i visitatori sono arrivati sul tuo sito o sulla tua pagina Facebook, devi convertirli in Lead raccogliendo informazioni.

Le informazioni sono la cosa più importante sul web e il tuo obiettivo minimo sarà ricevere l’indirizzo email per l’iscrizione alla tua newsletter.

Per ottenere questo risultato dovrai creare landing page accattivanti, form di richiesta contatto.  Spingi il tuo visitatore a cliccare su un pulsante per ottenere qualcosa che abbia un valore per lui (notizie utili, ebook, video, campioni di prodotto, consulenze gratuite, etc.). Studia un insieme di contenuti personalizzati pensato per ogni tipologia di persona.

La newsletter, rappresenta uno strumento molto potente per dare ai clienti esistenti e potenziali un vero spaccato della tua attività e del tuo pensiero. La newsletter non deve però essere l'invio di contenuti standard, ma deve offrire un valore aggiunto, articoli unici, video esclusivi o pezzi di opinioni.

Per far sentire parte della tua comunità chi si iscrive alla newsletter potresti fornire in anteprima dei contenuti in modo da dare valore a chi ha deciso di lasciarti una delle informazioni più preziose: l’email.

3. Avvicina: Ora che hai acquisito il contatti devi trasformarli in cliente. Hai raccolto le email di coloro che hanno espresso interesse verso i tuoi prodotti/servizi, ora, attraverso un’attività di email marketing puoi stabilire un contatto con il tuo pubblico profilato, costruendo una relazione basata sulla comunicazione costante.

Attraverso questi messaggi dai contenuti rilevanti potrai costruire un rapporto di fiducia che li trasformerà in tuoi clienti.

4. Delizia: Dai il massimo ai tuoi clienti. Assicurati che siano più che soddisfatti. Sviluppa interviste, sondaggi, il modo migliore per capire ciò che gli utenti vogliono è chiederlo a loro.

Il funnel dell’Inbound Marketing

 

Questa grafica, mostra il funnel dell’inbound marketing nelle sue fasi principali. La sostanza non cambia perché è la strategia che porta all’incremento delle vendite mediante l’uso di tutti gli strumenti in ogni singola fase del funnel.

Consapevolezza

È la parte superiore dell’imbuto o funnel, dove viene creato il contenuto per attirare il maggior numero possibile di visitatori. 

Pertanto, non puoi lanciare qui un’offerta perché gli utenti che ti leggono non hanno chiaro il loro bisogno. In questa fase di solito i contenuti sono post che aiutano gli utenti a identificare e capire se è quello che cercano.

Considerazione

È la seconda fase dell’imbuto, qui gli utenti hanno già scoperto di che cosa hanno bisogno.

Qui puoi offrire contenuti di maggiore difficoltà come l’iscrizione alla newsletter,  in cambio di email.

Devi fornire contenuti creati per gli utenti con l’obiettivo di farti percepire come una scelta da considerare per soddisfare le loro esigenze.

Quindi, devi essere sicuro circa le esigenze delle tue buyer personas per poterli accompagnare nell’imbuto e prepararli all’acquisto

Decisione

Nella parte più stretta dell’imbuto, arrivano solo gli utenti che sono già interessati ai tuoi prodotti o servizi.

Per trasformarli in clienti, è necessario creare contenuti personalizzati: una dimostrazione del prodotto, una prova gratuita o un test.

Pertanto, si tratta di creare contenuti diversi in ciascuna delle fasi del funnel e accompagnare l’utente dal momento in cui cerca di soddisfare il suo bisogno fino all’acquisto.

Elabora contenuti intelligenti, monitora i social per comprendere costantemente in che modo soddisfarli. I clienti soddisfatti saranno i migliori promotori della tua attività e il loro passaparola farà crescere la tua azienda.

Seguendo i passaggi che ti ho descritto sopra e utilizzando strumenti adeguati e funzionali, grazie all’Inbound marketing puoi trasformare un estraneo in un ambasciatore del tuo brand!  

Il metodo di Inbound marketing incoraggia gli acquirenti a comprare quando sono pronti a farlo.

Quindi il mio suggerimento è: scopri dove i tuoi clienti ideali vanno a cercare informazioni e fatti trovare lì.

Offri risposte utili alle loro domande. Se fornisci i contenuti che le persone cercano al momento giusto crei fiducia e rendi il tuo approccio di marketing valido ed efficace.

Sei interessato a capire come una strategia di inbound marketing può essere utile per la tua azienda? Riempi il form qui sotto e sarò lieta di risponderti! 

Ti è piaciuto questo articolo? 

Lasciami un commento e condividilo sui tuoi social preferiti!

Vuoi essere aggiornato sulle ultime tendenze dal mondo del marketing e della comunicazione?

Iscriviti alla nostra newsletter Pillole di Marketing!