Blog

PICCOLA GUIDA TWITTER PER AZIENDE

PICCOLA GUIDA TWITTER PER AZIENDE

Scritto da  Commenta questo articolo!

Se sei un nostro lettore affezionato, ricorderai che abbiamo parlato di social network in due articoli: Social Media Marketing: piccola guida per principianti - Parte I e Social Media Marketing: i 5 step per creare la tua prima campagna social e in queste due occasioni abbiamo sottolineato quanto sia importante per la tua azienda avere una strategia di Social Media Marketing.

Io dico sempre: "non bisogna essere necessariamente su tutti i social".

Individua le piazze virtuali più adatte a comunicare il tuo messaggio e dimostra al tuo pubblico una presenza costante. Meglio essere su tre social e curarne i contenuti che aprire 10 account e trascurarli per mesi!

Lo so, sei alle prese con il “labirinto social”: Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Pinterest, Linkedin, Google +, Tumblr…c’è da perdere la testa!

Spesso i social sono un vero e proprio “rompicapo” davanti al quale ti puoi perdere, ed è facile sentirsi disorientati e non capire quale sia la via più efficace da intraprendere per la tua azienda.

Ma allora, come scegliere quelli più idonei a raggiungere i tuoi obiettivi di marketing?

 

Se hai un’attività hai bisogno di avere nuovi clienti. E, per avere nuovi clienti, è necessario che loro riescano a trovarti nei luoghi che frequentano.

A giudicare dai numeri qui riportati, molti dei tuoi clienti frequentano Facebook e lì, scommetto, ci sei anche tu, perché questa è la piattaforma social più “amata dagli italiani” e non solo!

Ma se decidi di essere su Twitter sei sicuro di sapere come funziona?

Sempre più spesso mi capita di parlare con titolari di aziende che aprono l’account cinguettante, ma poi vanno in crisi perché non ne comprendono le potenzialità e finiscono per utilizzarlo poco e male.

Ecco perché ho deciso di guidarti alla scoperta del social più diretto e veloce di tutti e, attraverso questa piccola guida, spiegarti in che modo può esserti utile.

Sei pronto? Cominciamo!

Cos’è Twitter?

Quando l’hanno chiesto a Jack Dorsey, Ewan Williams e Biz Stone (i tre fondatori di Twitter) loro hanno risposto così:

“Twitter è un network di informazione in tempo reale dove trovare ciò che ci interessa”.

Non ci potrebbe essere definizione più azzeccata.

Essere su Twitter significa essere aggiornati su tutto quello che accade nel mondo in tempo reale con un semplice click.

Hai già un profilo aziendale su Twitter?

No? Vai subito su Twitter iscriviti e ricorda, a differenza di Facebook, non hai bisogno di creare un profilo personale per aprire la tua pagina aziendale.

CREAZIONE DEL TUO PROFILO

Ci sono cinque elementi fondamentali che devi inserire per creare il tuo profilo aziendale:

1. Il tuo @nomeutente che sarà l’identificativo con il quale sarai riconosciuto su Twitter e che aiuterà gli utenti a trovare facilmente la tua azienda.

2. La foto che rappresenta la tua azienda, puoi inserire il tuo volto o il tuo logo. Questa immagine non sarà solo sulla tua pagina del profilo, ma comparirà come icona in ogni Tweet che pubblichi. La dimensione consigliata per la tua immagine del profilo è 400x400 pixel.

3. La bio: è fondamentale scrivere cosa fai, chi sei, puoi sconfinare negli hobby ed essere simpatico. Hai 160 caratteri per comunicare agli utenti cosa ha di speciale la tua azienda e i motivi per cui dovrebbero seguirti.

4. L'immagine di intestazione: Considerala come il manifesto della tua azienda. Puoi presentare prodotti, usare una grafica con del testo. Modifica questa immagine periodicamente per mettere in bella vista promozioni, eventi o notizie sui prodotti. La dimensione consigliata per un'immagine di intestazione di Twitter è 1500x500 pixel.

5. Il Tweet sul profilo: tieni in cima alla tua cronologia un Tweet importante fissandolo. Clicca sull'opzione "Altro" sul Tweet che desideri fissare e seleziona "Fissa sulla pagina del profilo".

Quello che vedi qui sopra è il profilo Twitter @EmmegiMarketing 

Questo invece è il mio profilo @mirellameglio.

COME FUNZIONA TWITTER?

Twitter va immaginato come una vetrina sul web, dove gli utenti lanciano messaggi, condividono i loro pensieri e informazioni.

Twitter è essenziale, diretto, ed è stato costruito intorno alle notizie, non intorno alle relazioni.

Ogni notizia apparirà in ordine cronologico inverso (la più nuova in alto) nella sezione cronologia.

Per postare un tweet (cinguettio) utilizza la casella Che c’è di nuovo?

Su Twitter non hai vincoli, ad eccezione del numero di caratteri da utilizzare che fino a novembre 2017 era di 140 per ogni messaggio (tweet)!

Ma andiamo con ordine.

Per mostrarti in modo semplice e veloce come funziona Twitter ho inserito qui sotto un piccolo glossario con la spiegazione delle sue principali funzioni:

Tweet: letteralmente significa cinguettio e indica il messaggio che pubblichi sul tuo profilo Twitter.

Per molti anni Twitter si è distinto dagli altri social perché ti donava "la sintesi" di 140 caratteri, poi è accaduto l'impensabile, i caratteri a disposizione sono diventati 280!

Come spiegato dal team di Twitter, la decisione di raddoppiare la lunghezza dei tweet è stata presa dopo aver constatato che alla maggior parte degli utenti i 140 caratteri andavano un po’ stretti: il 9% dei tweet in inglese, infatti, erano lunghi esattamente 140 caratteri.

Questa cifra, d’altra parte, era stata scelta, rifacendosi alle 160 battute degli SMS, a cui erano ne erano state sottratte 20 per farci rientrare anche lo username.

L’estensione dei caratteri disponibili, tuttavia, non ha coinvolto gli utenti di tutto il mondo: per le lingue che si esprimono con ideogrammi (cinese, giapponese, coreano…), che non richiedono un gran numero di battute per esprimersi, il limite rimane a 140 caratteri. D’altra parte, la maggior parte dei tweet in giapponese è lunga appena 15 caratteri.

Ci troviamo davanti ad un cambiamento enorme per questo social network, che rinuncia al famoso cinguettio per semplificare la vita agli utenti e, chissà, magari attirarne di nuovi. 

Twitter in questo modo, conta di aumentare il numero di utenti iscritti alla piattaforma, che da diversi anni registra una crescita ridotta. La libertà di scrivere di più dovrebbe consentire alle persone di pubblicare più cinguettii senza perdere tempo a tagliare e limare i messaggi.

Inoltre, video, foto, link non saranno più considerati nel conto sul limite di caratteri consentiti.

Quello che vedi qui è il mio malinconico twitt di addio ai 140 caratteri che mi piacevano tanto! 

 

Dopo questo aggiornamento dovuto, andiamo avanti con la piccola guida.

Fa’ attenzione a ciò che scrivi, a differenza dei post che metti sulla pagina Facebook, i tweet possono essere visti da chiunque!

Con Twitter costruisci relazioni con altre persone: gli utenti si "seguono" l'un l'altro, in base ai loro interessi, senza però obbligo di reciprocità, questo significa che io posso seguire te ma tu sei libero di non seguire me.

Su Twitter, chi segue non deve essere necessariamente un amico e può offrire comunque interazione e conversazione.

Following: sono gli utenti che segui di cui riceverai, ad ogni loro nuovo tweet, un aggiornamento nella home page.

Follower: sono le persone che ti hanno reputato interessante e che hanno deciso di seguirti e ricevere i tuoi aggiornamenti.

Timeline: La timeline Twitter è una sorta di home page che contiene tutti i tweet pubblicati dalle persone che segui.

Like: è il cuoricino che esprime il tuo “mi piace” ad un tweet.

Preferiti: rappresentano i tweet che vuoi salvare e tenere, in una sorta di archivio cronologico.

Risposta: è il primo tasto a forma di freccetta che va verso sinistra. Si trova sotto ciascun tweet e ti permette di rispondere e di interagire con chi ha pubblicato il Tweet.

Retweet: scorrendo nella home trovi un tweet interessante e vuoi condividerlo con i tuoi follower? Semplice! Basta cliccare sul secondo tasto a destra dove è scritto il retweet ( Puoi condividerlo così com’è oppure aggiungere un tuo commento.

 

Hashtag: una parola preceduta da un # (cancelletto) è un hashtag, ovvero un link a quella specifica parola/argomento; ogni parola in un tweet preceduta da un hashtag si andrà a sommare a quelli relativi allo stesso. Le persone, che cercheranno lo specifico hashtag, (argomento) avranno quindi modo di vedere anche il tuo tweet.

Scrivere un tweet con un hashtag equivale a inserire il tweet nella discussione indicata.

Vuoi capire come usare gli hashtag in modo efficace? DAI UN’OCCHIATA A QUESTO ARTICOLO!

Menzione: Scrivendo una @ seguita dal nome dell’autore in qualsiasi parte del tweet, si menzionerà l’autore del tweet; Twitter avviserà chiunque per ogni menzione ricevuta; tutte le menzioni ricevute compariranno nella sezione @Connetti dell’interfaccia (il menu in alto).

Tendenze: sono i trending topic che trovi nella colonna di sinistra della tua pagina di Twitter. Si tratta degli argomenti di attualità, che sollevano maggiore interesse negli utenti. Sono presentati e preceduti da un hashtag in modo tale che, se ci clicchi sopra, puoi seguire tutti gli aggiornamenti relativi alla discussione su quel particolare tema.

Suggerimenti: per darti modo di raggiungere quello che ti interessa più facilmente, Twitter ti suggerisce gli utenti da seguire proponendoti, nella sezione “Chi seguire” alla destra della tua pagina, una lista di persone con le quali condividere gli stessi argomenti di conversazione.

Liste: sono gruppi creati per incasellare le persone all’interno di un settore specifico, per definire l’argomento di cui parlano gli utenti.

DM (Direct Message): è un messaggio privato tra due utenti. Per scrivere un messaggio utilizza l’icona con la letterina in alto a sinistra. I DM possono essere spediti solo ai tuoi follower. Di conseguenza puoi ricevere messaggi privati solo da persone che stai seguendo.

Dopo questa panoramica sulle principali funzioni di Twitter ecco alcuni brevi suggerimenti per mostrarti come puoi usare Twitter per la tua attività:

1. Pianifica una strategia di comunicazione ben definita.

Non “cinguettare” a caso, ma condividi post interessanti in grado di coinvolgere il tuo pubblico. Dedica la maggior parte della tua attività su Twitter all’interazione con gli utenti, rispondendo, retwittando e conversando con loro. Il resto del tempo impiegalo per promuovere i tuoi servizi.

2. Prova Twitter Ads e crea delle vere e proprie campagne mirate per promuovere i tuoi prodotti o i tuoi servizi.

In questo modo farai conoscere meglio la tua attività e incrementerai il numero delle tue vendite. La possibilità di scegliere un pubblico profilato ti permette di aumentare le chances di avere un feedback positivo, un nuovo follower o una vendita in più. In ogni campagna potrai impostare tu quanto spendere e il costo per click.

3. Twitta con costanza, non abbandonare la tua pagina Twitter.

Per avere dei buoni risultati pianifica al meglio i contenuti da pubblicare: se non scrivi per settimane o addirittura mesi, i tuoi follower ti dimenticheranno!

Si vedono spesso profili Twitter “desolati”, con tweet automatici e identici a quelli pubblicati su Facebook, con 10 follower in tutto, con scarsa cura per i dettagli, di cose fatte “tanto per”. Il mio consiglio è decidere con cura ed attenzione i social network su cui essere presenti. Meglio fare “poco” bene, che fare “male” tutto!

Arrivata a questo punto ti dirò quali sono gli errori da evitare su Twitter:

1. Promuovere tutte le tue offerte, nuovi prodotti e pubblicità: come tutti i social, anche Twitter è fatto per dialogare, non per vendere (almeno non in maniera diretta).

2. Utilizzare lo strumento di Facebook che permette di condividere automaticamente su Twitter i post, pubblicando gli stessi contenuti. Il risultato sarà una serie di tweet troncati e decontestualizzati.

3. Entrare in modo ‘insistente’ nelle conversazioni di altri utenti o usare la menzione in modo arbitrario per cercare di parlare del proprio prodotto o servizio.

4. Twittare con poca regolarità: è importante infatti la costanza e la continuità in ogni relazione che si rispetti ed i social network si basano proprio sulle relazioni che si riescono a mantenere con impegno.

Concludendo, se hai scelto di utilizzare (anche) Twitter nella tua strategia social media marketing, valuta che si tratta di un social network prevalentemente culturale, politico, informativo, ma ricco di possibilità e personalità.

Ci sarebbe ancora molto da dire, ma ora mi fermo, altrimenti dovrò modificare il titolo e farlo diventare un “Manuale”! 

Spero di aver raggiunto il mio scopo, ovvero esserti stata utile, averti incuriosito e averti dato un’idea di quello che è possibile fare con questo straordinario strumento di comunicazione.

Ci sono riuscita?

Se questa guida ti è piaciuta condividila sui tuoi social preferiti! E come sempre aspetto un tuo commento, tu usi Twitter?

Entra nella nostra Community, iscriviti alla Newsletter Pillole di Marketing!