Blog

web marketing pillole di marketing

Pillole di web marketing: suggerimenti a piccole dosi

Scritto da  Commenta questo articolo!

Ciao sono Mirella, ti ricordi di me? Ti ho raccontato la mia storia nel mio primo post a proposito dell’importanza dello storytelling.

Oggi, voglio condividere con te l’esperienza di una piccola imprenditrice alle prese con l’esigenza di comunicare con il suo pubblico in un mondo che cambia troppo in fretta.

Già da un po’ di tempo avevo in mente di scrivere una storia, la storia di Francesca.

Francesca ha 48 anni, il suo mondo ruota intorno alla famiglia e alla sua azienda, un centro estetico, che porta avanti con grande passione e determinazione. Ha sempre lavorato con il passaparola, con piccole campagne di volantinaggio e organizzato eventi coinvolgendo le sue clienti più affezionate.

Ma perché, da un po’ di tempo a questa parte, la sua azienda non funziona più come prima?

 Ultimamente, le capita spesso di incontrare qualcuno che le parla di web marketing, pronto ad offrirle soluzioni strepitose per risolvere tutti i suoi problemi lavorativi.

E allora nella sua testa è scattata questa domanda: “Perché dovrei sapere cosa è il web marketing e imparare a comunicare on line?

"Web" é la terza parola dell'acronimo www, che tradotto é "world wide web" e letteralmente significa "ragnatela che gira intorno al mondo" e  Francesca al suo web accede per due motivi principali;  

- un profilo Facebook - che utilizza per condividere foto sia di famiglia che del centro estetico;

- Google e Wikipedia - strumenti utilissimi sia per le sue ricerche che per quelle scolastiche del figlio.

Francesca sa che negli ultimi anni le cose sono cambiate; oggi usa il computer per inviare e ricevere email, quando deve comunicare in fretta con le sue clienti usa Whatsapp, suo figlio gioca con il tablet e suo marito per lavoro utilizza solo lo smartphone.

Il mondo è cambiato e anche le aziende per essere al passo con i tempi devono sviluppare nuove forme di comunicazione per comprendere e intercettare i bisogni dei propri clienti, che, tradotto in parole semplici, significa imparare a comunicare meglio e (cosa che non guasta) vendere di più.

Arrivati a questo punto del discorso, starai pensando, che la cosa più semplice da fare è consigliare a Francesca di affidarsi ad un’agenzia che si occupa di web marketing in modo da poter risolvere tutti i problemi.

Io invece le dico che la prima cosa da fare è informarsi prima di affidarsi: Francesca devi sapere cosa si intende quando si parla di web marketing.

Come raccogliere informazioni?

Leggendo libri, articoli, blog, guide da scaricare e, se possibile, partecipando a corsi che parlano di comunicazione e marketing digitale, in modo da avere le idee più chiare sull’argomento; le informazioni in rete sono abbondanti e dettagliate!

Anche io, ho pensato di darti qualche suggerimento utile per aiutarti a capire meglio quello di cui stiamo parlando. Queste informazioni, che spero ti siano utili, le chiamerò

Pillole di marketing"

Considera che l'argomento web marketing, dovrà essere ulteriormente approfondito, per cui questi saranno "suggerimenti a piccole dosi".

Cos’è il web marketing?

Per web marketing intendiamo l’insieme delle attività di progettazione, pianificazione, studio e realizzazione dei servizi di promozione sul web. Attraverso una buona strategia di web marketing puoi attirare visitatori interessati ai prodotti e servizi della tua azienda.

Di cosa ho bisogno per cominciare?

Per partire è importante che tu abbia un sito.

Il sito ti permette di creare un’identità online per il tuo marchio, di aumentare la riconoscibilità della tua azienda e di raggiungere un pubblico più ampio di persone interessate ai tuoi servizi.

Molti utenti oggi si collegano alla rete da smartphone e tablet, per cui è fondamentale che il tuo sito sia responsive cioè progettato per essere visualizzato perfettamente anche dai dispositivi mobili.

Nel tuo sito inserirai la presentazione della tua azienda e i valori che ne hanno ispirato la creazione ( il chi siamo), fornirai informazioni sui servizi e sui prodotti che offri, creerai una gallery con foto e video per dare l’immagine dell’atmosfera che si respira all’interno e specificherai come raggiungerlo attraverso indirizzo, mappa e contatti.

Un sito ben fatto avrà al suo interno un blog.

Il blog rappresenta la parte più dinamica sulla quale pubblicare articoli relativi al tuo settore. Creare articoli di qualità su argomenti interessanti ti permetterà di farti conoscere, conquistare credibilità e coinvolgere nuovi potenziali clienti.

Potrai raccontare la tua storia, scrivere articoli con il tuo “tono di voce", dare informazioni utili su come risolvere problematiche e aggiornare i tuoi lettori sulle ultime novità nel campo dei prodotti e servizi che offre la tua azienda.

I contenuti che condividi sono essenziali: hai bisogno di aggiornarli con regolarità e ottimizzarli per migliorare la capacità di farti trovare dai motori di ricerca.

Che cosa significa ottimizzare i contenuti?

Ottimizzare vuol dire migliorare i testi di un sito facendo in modo che contengano le parole chiave giuste per favorirne la ricerca quando un potenziale cliente le digita per esprimere un bisogno di informazioni.

Farsi trovare sui motori di ricerca è l’obiettivo principale di un’azienda che, per farlo, ha due possibilità: una gratuita (SEO) e l’altra a pagamento (Keywords Advertising).

La SEO (Search Engine Optimization) è l’insieme delle attività che vengono messe in atto per ottimizzare e migliorare i testi di un sito, in modo da favorire la posizione dell’azienda tra i risultati organici (cioè effettivi, non a pagamento) nei motori di ricerca.

Per fare questo bisogna conoscere bene le caratteristiche tecniche, l’architettura dei contenuti e delle parole chiave. Le variabili sono tante per cui il consiglio è affidarsi ad un esperto SEO, perché farsi trovare al posto giusto nel momento giusto è molto importante.

La Keyword advertising (pubblicità per parole chiave) consente di comparire tra i risultati a pagamento in basa alle parole chiave utilizzate.

Si paga per ogni clic che l’annuncio riceve cioè ogni volta che chi cerca informazioni sui motori clicca sull’annuncio (pay per click o costo per clic).

Anche in questo caso la scelta delle parole chiave è importante sia per comparire tra i primi risultati, sia per valutare la convenienza dell’investimento.

Google Adwords, per i motori di ricerca, e Facebook Ads ,per la pubblicità sui social network, sono i principali circuiti per generare lead, ossia contatti profilati di alta qualità.

Con questo tipo di pubblicità infatti, avrai la possibilità di targettizzare la tua campagna in base a genere, età, posizione geografica, interessi personali, livello di istruzione o occupazione, e studiare campagne di comunicazione che colpiscano il target in maniera precisa.

Nel caso di Francesca, il suo obiettivo è quello di farsi trovare da nuovi clienti in cerca di servizi relativi alla bellezza e al benessere.

Tra i vari strumenti di web marketing è opportuno sottolineare l’importanza dell’email marketing e della comunicazione che avviene sui social media di cui abbiamo parlato diffusamente nel nostro blog.

In conclusione, per dare una nuova energia alla sua attività è importante che Francesca abbracci il web.

La conoscenza di questi nuovi strumenti e delle loro dinamiche la renderà parte attiva di questa rivoluzione, protagonista e non solo spettatrice passiva del cambiamento.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Hai avuto anche tu un’esperienza come quella di Francesca? Vuoi aumentare la tua visibilità sul web? Contattami subito, ne sarò felice!